Il primo faccia a faccia tra il dittatore “comunista” nordcoreano Kim Jong-un e il presidente russo Vladimir Putin a Vladivostok è stato più un successo mediatico che reale. “Putin non ha molto da offrire alla Corea del Nord”, avevano spiegato molti osservatori internazionali alla vigilia dell’incontro. Ma il lungo colloquio in terra russa è comunque […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il senso di Biden per le elezioni

prev
Articolo Successivo

Macron ai Gilet gialli: “Taglio di tasse sui redditi, ma dovrete lavorare di più”

next