Come ha scolpito la Costituzione, il voto è personale, eguale, libero e segreto. Non certo, però. Il 26 maggio gli italiani scelgono 73 europarlamentari, li autorizzano a insediarsi al Parlamento di Strasburgo e Bruxelles, a innalzare bandiere sovraniste o socialiste, popolari o populiste, ma il 31 ottobre – appena si concretizza la Brexit, l’uscita del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Quei tagli sono sopportabili”: a Milano sentenza anti-vitalizi

prev
Articolo Successivo

Le fatture di Parnasi a Cionci che imbarazzano Zingaretti

next