Il sottosegretario leghista Armando Siri andrà presto dai pm. Tramite il suo legale, il senatore – indagato a Roma per corruzione – ha chiesto di rendere spontanee dichiarazioni. Sul giorno dell’interrogatorio c’è il massimo riserbo. Siri si è già detto estraneo ai fatti: mai ha ricevuto tangenti, tantomeno gli sono state offerte dall’imprenditore ed ex […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Beppe Grillo al Fatto: “Salvini ministro dell’Interno a sua insaputa. Parla di mafie? No dei migranti”

prev
Articolo Successivo

“Eni ha inquinato le falde sversando petrolio”

next