L’insostenibile nostalgia del referendum

Digerite uova e colomba pasquali, con animo sereno possiamo tornare all’agnello sacrificale della politica di casa nostra. Ovvero il referendum costituzionale del 2016, che ciclicamente torna tra gli argomenti di inconsolabili commentatori che non si rassegnano all’esito negativo. Uno degli ultimi cahier de doléances lo firma Aldo Cazzullo sul Corriere rispondendo a un lettore tormentato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.