Digerite uova e colomba pasquali, con animo sereno possiamo tornare all’agnello sacrificale della politica di casa nostra. Ovvero il referendum costituzionale del 2016, che ciclicamente torna tra gli argomenti di inconsolabili commentatori che non si rassegnano all’esito negativo. Uno degli ultimi cahier de doléances lo firma Aldo Cazzullo sul Corriere rispondendo a un lettore tormentato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Li chiamano “guru”: aiutano i politici a comunicare cazzate

prev
Articolo Successivo

Povero Made in Italy. “Mettiamo dei limiti a questa globalizzazione per salvarla”

next