L’isola più bella, il soprannome con cui Marco Polo definì lo Sri Lanka, è ancora scossa dopo la strage di Pasqua. A Colombo, la capitale dell’isola, dove nella mattina di domenica sono state fatte saltare in aria tre chiese e altrettanti hotel di lusso con un bilancio di 290 morti e 500 feriti, ieri è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Mora 2304

prev
Articolo Successivo

Tweet boomerang per Hillary e Obama: le vittime diventano “adoratori della Pasqua”

next