La battuta potrebbe essere: “Come se Woody Allen fosse diventato presidente”. Negli attuali tempi farseschi dei comici leader politici, Volodymyr Zelensky sorge dalle pieghe della Storia d’Europa amara e violenta, intrisa anche dello spirito ebraico. La risata beffarda che conquista Kiev esce fuori dalla terra culla dell’hassidismo, il movimento dell’ebraismo ortodosso che nel XVIII secolo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il “servitore del popolo” ha un oligarca per amico

prev
Articolo Successivo

Europee – Le capolista non incideranno, il Movimento deve ritrovare se stesso

next