Armando Siri, senatore della Repubblica, sottosegretario ai Trasporti, militante leghista, teorico della flat tax, non sa nulla della mazzetta da 30 mila euro che – secondo le accuse della Procura di Roma – avrebbe preso dal professor Paolo Arata. Non sa nulla di emendamenti di legge cambiati per favorire il “re dell’eolico” Vito Nicastri. Non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Caso Siri, i pm ora cercano i finanziamenti alla politica

prev
Articolo Successivo

Caso Siri, dodici mesi di pressioni: il senatore (e la Lega) hanno spinto la lobby eolica

next