I laburisti di Jeremy Corbyn sono in testa con il 24%, mentre i Tories si attestano sul 16%, meno della metà di quanto hanno preso alle ultime elezioni nazionali. Seguono, quasi in parità, il Brexit Party – nuova creatura politica dell’euroscettico Nigel Farage – al 15% e lo Ukip con il 14%, ma un risultato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Greta-show: “Notre-Dame la ricostruiranno subito, intanto la nostra casa crolla”

prev
Articolo Successivo

Lo scontro di ideologie va a discapito dei fatti

next