Alzare gli occhi verso Notre-Dame: è questo gesto – prima negato, poi di colpo possibile – che segna la scena madre dell’ultimo film di Nadav Lapid, Sinonimi (Orso d’Oro a Berlino quest’inverno), quando il protagonista, israeliano immigrato a Parigi per il disgusto del suo Paese, e in cerca di un’identità che la Francia medesima stenta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Franzaroli

prev
Articolo Successivo

Rustichelli, il “fuori ruolo” non cambia mai

next