Uno spettro s’aggira per l’Europa, stavolta quello di Julian Assange. Un po’ come ai tempi del buon vecchio Marx – quando da esule tedesco l’economista scriveva a Londra Il Manifesto dei Comunisti e Il Capitale – è il vento che soffia dal Regno Unito a portare scompiglio sul continente. Il caso dell’arresto del fondatore di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Nel ricostruirla si rispetti l’anima gotica”

prev
Articolo Successivo

Greta-show: “Notre-Dame la ricostruiranno subito, intanto la nostra casa crolla”

next