“Noi vi chiediamo di fare pressioni, assieme agli Stati Uniti, sul generale Haftar e i Paesi che lo finanziano e lo sostengono per interrompere la sua avanzata verso la capitale Tripoli, una mossa che non ha sbocchi, una guerra che non ha data”. Questo è il messaggio che il vicepremier libico Ahmed Maitig e il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Il mare e i porti, ecco chi decide e perché

prev
Articolo Successivo

Il “pizzino” del raìs: “Roma invia armi a Sarraj”

next