Con quelle sue idee sbarazzine e libertine, il sempre garrulo Simone Pillon avrebbe fatto sembrare Torquemada un Rocco Siffredi ante litteram. Il disegno di legge numero 735 porta ormai il suo nome. Intende introdurre una serie di modifiche in materia di diritto di famiglia, separazione e affido condiviso dei/delle minori. Il “contratto di governo” prevede […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ue e migranti, fermiamo questi crimini

prev
Articolo Successivo

Più welfare, sinistra (e tasse): doccia finlandese sui sovranisti

next