alle otto meno dieci di una sera che non dimenticheremo mai – maledetto 16 aprile, lunedì di una Settimana Santa che si è trasformato in catastrofe culturale – la sottile ed altissima guglia di Notre-Dame de Paris, avvolta dalle fiamme, s’inclina lentamente e crolla, tra vampate che si alzano improvvise e feroci al cielo, tra […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il fuoco mangia Notre-Dame. Parigi prega in ginocchio

prev
Articolo Successivo

“Rivivo la stessa disperazione per La Fenice. La fragilità delle opere d’arte va protetta”

next