Al tavolino della sanità umbra, per spartirsi i concorsi truccati, sedevano in due: la politica e la massoneria. In almeno tre occasioni, nelle intercettazioni captate dalla Guardia di Finanza e allegate agli atti d’indagine, i riferimenti alla massoneria sono espliciti. Non a caso la procura guidata da Luigi De Ficchy, nella richiesta d’arresto di circa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Adesso la Lega vuole prendersi Riace Mimmo Lucano si candida consigliere

prev
Articolo Successivo

Indagata la governatrice

next