La costanza di Maurizio Costanzo è ammirevole. Ma l’ultima stagione del Costanzo show esala un aroma termale agli antipodi delle risse e degli Uno contro tutti che furono. Ora siamo all’Uno per tutti, conversione degna dell’Innominato, siamo allo scambio di superlativi, come si è visto ieri nella celebrazione dei “tre tenori” Gerry Scotti, Paolo Bonolis […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Un tempo la scuola non era luogo di fatiche

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Franzaroli

next