Se c’è una storia capace di raccontare l’Italia com’è oggi, è quella napoletana dei Girolamini. Nella vicenda del direttore-ladro, messo lì da Marcello Dell’Utri, che saccheggia e devasta la Biblioteca statale, troviamo tutto: lo Stato che si squaglia, il servilismo dei giornali, il cinismo degli intellettuali, il dominio del mercato. E, non ultimo, il disprezzo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La Figc si prende il circolo della Cricca

prev
Articolo Successivo

De Caro e Dell’Utri: 1.500 libri rubati

next