Ci sono musiche che ci sono entrate nel cuore e ci portano indietro nel tempo. I miei genitori fischiettano spesso le note di “Domenica è sempre domenica”, io invece fischietto le note del “Pinocchio” di Luigi Comencini, interpretato magistralmente da Nino Manfredi e con le musiche del maestro Fiorenzo Carpi. Senza quel flauto e quel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Se le femministe di Augusto fossero a Verona?

prev
Articolo Successivo

cattiveria

next