Un fazzoletto di stoffa, vergato a mano con calligrafia ferma e scorrevole, probabilmente l’ammonimento di un anonimo boss detenuto a una ‘’guagliona’’ contenuto nel testo della ‘’canzone di Amelia, la disgraziata’’, una “canzone di malavita” del XIX secolo. Risale al 1901, e nel sito del ministero della Giustizia è presentato come il primo pizzino mafioso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

La diaspora Roma-Milano: dopo Sky ora il rischio c’è anche per Wind Tre

prev
Articolo Successivo

“Il corpo di ballo è precario, adesso basta”: protesta prima de “Il Lago dei Cigni”

next