“Gentilissimo pubblico vi chiediamo scusa ma prima dello spettacolo abbiamo bisogno di dirvi qualcosa”. Inizia così la prima del “Lago dei cigni” al teatro San Carlo di Napoli. Dalla buca i maestri dell’orchestra con i loro strumenti richiamano l’attenzione dei presenti. In scena entra una ballerina e un collega con un foglio in mano. L’uomo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La canzone di Amelia “la disgraziata” Il primo pizzino fu scritto nel 1901

prev
Articolo Successivo

Pacchi alimentari e 20 euro in cambio di voti: 8 arresti. Il gip: “Fermateli prima delle Europee”

next