Oggi che (quasi) tutti sono su Facebook, le partite durano molto più dei canonici 90 minuti. I commenti sui social diventano una sorta di quarto tempo (ammesso, e non concesso, che ci sia il “terzo”, quello dei saluti amichevoli), indefinito e immateriale quanto si vuole, ma implacabile. Sfogarsi da casa, non conviene. Gli arbitri compilano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Passione antimafia: storia di una donna e di “stimati giuristi”

prev
Articolo Successivo

Il risiko intorno a Fca. Dame, scacchi e minuetti

next