Se si pensa che nel libro Siamo in guerra, Gianroberto Casaleggio e Beppe Grillo dicevano alla stampa e ai giornalisti “siete morti”, il fatto che il primo premier pentastellato, Giuseppe Conte, e il suo delegato all’editoria, Vito Crimi, abbiano aperto gli Stati generali dell’editoria è una notizia. E così è stata accolta dagli operatori. Nonostante […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Voto sul copyright, la norma salva i big e chi è già tutelato

prev
Articolo Successivo

Ora Battisti chiede perdono: “Le sentenze dicono il vero”

next