Cinque attivisti dei centri sociali torinesi, Paolo Andolina, Jacopo Bindi, Davide Grasso, Fabrizio Maniero e Maria Edgarda Marcucci, sono a processo per essere andati in Siria a sostenere i curdi contro l’Isis. Rischiano la sorveglianza speciale. Ma dentro e fuori dall’aula si parla anche di di Lorenzo “Tekoser” Orsetti e Giovanni “Hiwa Bosco” Asperti, i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ergastolo per Igor il Russo: condannato per due omicidi dopo otto mesi di latitanza

prev
Articolo Successivo

La Regione vende rifiuti tossici. Gli scarti delle vecchie miniere diventano sale non alimentare

next