Dopo la morte di Orsetti in aula i 5 attivisti che combattono l’Isis. La difesa: “È un processo fascista”

Presidio per il “crociato” ucciso
Dopo la morte di Orsetti in aula i 5 attivisti che combattono l’Isis. La difesa: “È un processo fascista”

Cinque attivisti dei centri sociali torinesi, Paolo Andolina, Jacopo Bindi, Davide Grasso, Fabrizio Maniero e Maria Edgarda Marcucci, sono a processo per essere andati in Siria a sostenere i curdi contro l’Isis. Rischiano la sorveglianza speciale. Ma dentro e fuori dall’aula si parla anche di di Lorenzo “Tekoser” Orsetti e Giovanni “Hiwa Bosco” Asperti, i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.