“Gas”. Lungo le strade di Maidan nel 2014 le parole erano libertà e indipendenza. Oggi non ci sono più né le molotov, né le speranze di allora e si parla di termosifoni e bollette. “Quale dei candidati ci farà pagare meno il gas?”. Le schede elettorali giallognole sono pronte e le urne più incerte della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Razzo di Hamas, l’Idf colpisce Gaza venti di guerra alla vigilia delle elezioni

prev
Articolo Successivo

“L’eredità di mio marito resta a Parigi: in Italia troppo odio”

next