La vicenda dei rimborsi ai cosiddetti “truffati delle banche – 300 mila ex azionisti e piccoli obbligazionisti di Etruria & C. e delle popolari venete – diventa ogni giorno più surreale. Investe i vertici del ministero dell’Economia e i rapporti con Lega e M5S, ma anche il Quirinale, dove la commissione d’inchiesta parlamentare sulle banche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Ponte sullo Stretto, Impregilo insiste sulle penali: appello per ottenere 700 milioni di risarcimento

prev
Articolo Successivo

Barca e la giustizia sociale 15 idee di sinistra per il Pd

next