Si invecchia in tanti modi e quale sia il migliore non si è mai capito. C’è chi si oppone stoicamente al tempo che passa e si rompe il femore lanciandosi col parapendio. C’è chi asseconda le pieghe e gli acciacchi e mette su lo sguardo fatalista dell’accettazione. C’è chi si incazza perché questa cosa di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“La Casalese” di Lady Vallanzasca fa arrabbiare il Viminale: niente presentazione per il libro-film

prev
Articolo Successivo

“A vent’anni ne dimostravo 40: suonavo la chitarra, ma rimorchiavano gli altri”

next