Al 19° sabato della protesta dei gilet gialli, i parigini e i turisti che volevano raggiungere gli Champs Elysées hanno potuto farlo senza rischiare di respirare lacrimogeni. Per una volta hanno trovato negozi e caffé aperti. L’avenue parigina si è barricata contro i casseurs. Anzi, gli émeutiers, i rivoltosi, come vengono chiamati ormai quanti vogliono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Brexit, un milione chiede di rivotare: no al divorzio

prev
Articolo Successivo

Trump, il suo giro d’affari più letale dell’inchiesta sui contatti con Mosca

next