“Gli ultimi arresti a Castelvetrano fanno capire perché è così difficile catturare Matteo Messina Denaro”. Rosy Bindi è stata la presidente della Commissione Antimafia (2013-2018) che ha messo in luce, nella relazione finale, l’intreccio tra cosche e massonerie partendo proprio da Castelvetrano, città dell’ultimo latitante della stagione delle Stragi. “Messina Denaro non viene preso perché […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Pd e M5S: il governatore non picchia, Di Maio sì

prev
Articolo Successivo

Brusca: “Graviano e l’orologio del Cav”

next