Gli stessi partiti e gli stessi elettori che per anni hanno contestato accordi commerciali con gli Usa (Ttip) e il Canada (Ceta) perché, secondo loro, erano opachi e mettevano in pericolo gli standard sanitari e di qualità dei prodotti europei, oggi sono indifferenti o favorevoli alla firma di accordi strategici meno vincolanti ma ancora meno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Caro Xi, benvenuto in… Cina. Tanti affari, niente domande

prev
Articolo Successivo

Diciotti, i giudici archiviano Conte, Di Maio e Toninelli

next