“Illogica, carente nelle motivazioni e contraddittoria”. Nessun dubbio per la procura generale di Bologna, la tristemente nota sentenza sulla “tempesta emotiva e passionale” presenta “aspetti di violazione della legge penale”. Olga Matei fu uccisa a Riccione nell’ottobre del 2016 da Michele Castaldo, dopo poche settimane di relazione, non tanto per “l’esasperazione e l’incontenibile turbamento emotivo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

I vigili urbani nella sartoria cinese clandestina: cuciva le loro divise

prev
Articolo Successivo

Gaza e il tradimento di Hamas

next