La possibile “caduta” di Claudio Descalzi, coinvolto nell’inchiesta di Milano Opl-Nigeria, dai vertici aziendali dell’Eni, aveva spinto l’avvocato Piero Amara ad interessarsi in prima persona coinvolgendo Denis Verdini e indirettamente l’ex sottosegretario Luca Lotti. Lo racconta lo stesso ex legale Eni nell’udienza di martedì a Messina del processo “Sistema Siracusa” che vede imputati l’ex senatore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Banche, Bruxelles scarica i suoi errori sull’Italia

prev
Articolo Successivo

Centofanti, il lobbista che imbarazza Zingaretti

next