La vita è fatta di coincidenze. O di destino. Ognuno la pensa come vuole. Quel che è certo è che la vita di un magistrato, Giovanna Ichino, e quella di un ex terrorista, Cesare Battisti, si sono incrociate due volte. La prima esattamente trent’anni e 3 mesi fa e la seconda ieri. La città è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Greco accusa: “Noi avvisati solo dopo la morte di Imane”

prev
Articolo Successivo

Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, il testimone: “Li ho visti morire. Volevano che mentissi”

next