L’assassinio di una persona attraverso il veleno costituisce un’arte antichissima. Nell’antica Roma, in particolare, la memoria collettiva ha registrato costantemente casi di veneficio perpetrati da donne sino a renderle indiscusse protagoniste di eclatanti casi giudiziari e, conseguentemente, a far percepire il veneficio come una pratica criminale squisitamente femminile. Nei documenti antichi pervenutici si sono conservate […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Glaucoma, il nemico invisibile della vista

prev
Articolo Successivo

Case chiuse, un tema per attempati

next