È la strage di “un normale uomo bianco” in un Paese che si illudeva di vivere in una sua particolare bolla di pace e benessere. Brenton Tarrant, il suprematista bianco con passaporto australiano che ha pianificato, organizzato e diretto la carneficina di Cristchurch, 350mila abitanti nelle isole del Sud della Nuova Zelanda, ha lanciato un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Massacro 2.0: 49 uccisi nel videogame razzista

prev
Articolo Successivo

La sindrome di Brenton. Manifesto anti-stranieri e la “sostituzione finale”

next