Il suo nome è Carrisi, Al Bano Carrisi. È stata una settimana campale, i sette giorni che cambiarono Cellino San Marco. Un tempo l’erede di Claudio Villa, oggi l’agente segreto Al Bond è il nuovo Le Carrè, Graham Greene, Ian Fleming. Molti si sono stupiti per l’inserimento nella black list dell’Ucraina a causa delle sue […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La Juventus trova i “ragazzacci” dell’Ajax

prev
Articolo Successivo

La Cattiveria 1603

next