Cinque anni fa Mario Virano considerava già chiusa la partita: “Qualsiasi persona di buon senso e onestà intellettuale si rende conto di quanto la Torino-Lione sia ormai irreversibile”. A trent’anni dall’inizio del folle volo dell’alta velocità in Val di Susa, l’unica cosa veramente irreversibile è lui, Virano. Architetto originario di Rivoli (To), 75 anni, l’attuale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Il referendum non si può fare, neanche locale”

prev
Articolo Successivo

Il Copasir avvisa Conte: dubbi sulla sicurezza

next