“Facciamo una colletta e compriamoci il nostro parco”. Se non lo fa il Comune, allora ci pensano direttamente gli abitanti. L’idea “sediziosa” è arrivata l’altra sera nella sala parrocchiale di Santa Maria Ausiliatrice a Verona. E i carbonari dell’ambiente non avevano facce minacciose, ma il volto rosso di passione e di freddo degli abitanti di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’Italia e la Francia, principali perdenti della moneta unica

prev
Articolo Successivo

La sua azienda è fallita dopo le denunce alla mafia: arriva la cartella esattoriale

next