È la condanna più pesante finora pronunciata nei procedimenti collaterali al Russiagate, l’inchiesta sui contatti nel 2016 tra la campagna di Trump ed emissari del Cremlino. Ma è una condanna decisamente mite, rispetto alle richieste dell’accusa: Paul Manafort, l’ex manager della campagna del magnate, sconterà in prigione 47 mesi, poco meno di quattro anni, per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Caracas al buio, per Maduro è “tutta colpa degli americani”

prev
Articolo Successivo

Dollari & petrolio: perché l’America azzanna Caracas

next