Un’aggressionecon bastoni e pistole taser ai danni di tre facchini dei magazzini romani di Zara. Proprio mentre siamo nel pieno di uno sciopero e di una trattativa sindacale che sta cercando di definire i risarcimenti dovuti a questi lavoratori, per straordinari mai pagati, da parte delle cooperative che gestiscono la logistica per conto dell’azienda di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“La tempesta emotiva non ci restituirà Olga”

prev
Articolo Successivo

Il suicidio dell’ematologo Francesco Lo Coco: aperto un fascicolo per istigazione

next