Si può arrestare la globalizzazione? È questo l’impegnativo quesito che dà il via all’analisi del professor Colin Crouch, che nel libro “Identità perdute – Globalizzazione e nazionalismo” prova a ripercorrere lo sviluppo del fenomeno, valutandone gli effetti e cercando di prevederne le evoluzioni. In un mondo che cambia, il conservatorismo emerge come una controffensiva al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’austerità è più dolorosa con le tasse che con i tagli

prev
Articolo Successivo

Fiat e Fiom in rotta di collisione. Il sindacato resta fuori dal contratto

next