Sembrava svanito nel nulla, immerso in una delle sue meditazioni trascendentali. Invece Gabriele La Porta se n’è andato da comune mortale, come tutti noi. Non se ne aveva notizia da quando aveva abbandonato la Rai dopo quarant’anni di onorato servizio. Durante il primo governo Berlusconi fu direttore di Rai2; era riuscito a saltare sul carro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Alla riscoperta di Giuseppe Berto e del suo cielo indifferente alla guerra

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Beppe Mora

next