Ci sono “motivazioni politiche” alla base del rapporto al vetriolo della commissione d’inchiesta senatoriale sul Benallagate, ha detto ieri il premier Edouard Philippe. Il braccio di ferro tra Governo e Senato è iniziato. Dopo sei mesi di indagine sullo scandalo che imbarazza Emmanuel Macron dall’estate scorsa, i senatori hanno stilato una lista di accuse contro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Fate i nomi o sarete spazzati via”

prev
Articolo Successivo

Fascistissime TANGENTI. L’“Italietta” littoria tra pizzo, affari e corruzione dei giudici

next