La Germania cambia direzione e decide per la prima volta in modo programmatico di intervenire con investimenti pubblici per proteggere i grandi gruppi industriali strategici del Paese – i “campioni nazionali” – dalle mire delle aziende extra-europee. Un ritorno alla politica industriale con la ‘P’ maiuscola e stavolta non con interventi ad hoc per salvare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Eliseo indulgente su Benalla”: il Senato accusa

prev
Articolo Successivo

Il Tesoro salva CasaPound dallo sgombero: “Stabile in buone condizioni, altre priorità”

next