L’ultimo grido in fatto di poltrone è la candidatura di Paolo Simioni alla guida di Fincantieri. L’amministratore delegato dell’Atac, la disastrata azienda tramviaria di Roma, è fortemente sostenuto dagli ambienti M5S più vicini alla sindaca Virginia Raggi. La richiesta di fargli posto silurando Giuseppe Bono, di cui è allievo, l’amministratore delegato di Cdp Fabrizio Palermo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Troppo piccoli per resistere. Cdp vuole la fusione dei Big

prev
Articolo Successivo

I soldi pubblici a rischio solo per aiutare le banche

next