Due anni dopo la vittoria del No nel referendum costituzionale, che ha bocciato la “deformazione” della Costituzione targata Renzi, la maggioranza Lega-M5S rilancia le modifiche alla Costituzione. In campo c’è l’introduzione del referendum propositivo, che anziché arricchire la democrazia rappresentativa con una nuova forma di partecipazione dei cittadini, continua a giustapporre cittadini e Parlamento. E […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Diciotti, la memoria di Salvini non regge

prev
Articolo Successivo

I pro e i contro dell’autonomia “differenziata”

next