L’analisi

Consip, perché la versione del complotto non regge

Contraddizioni - Già nel saggio del 2017 aveva provato a indicare dei mandanti: allora era il pm Woodcock che ora invece scagiona

14 Febbraio 2019

Il ritorno di Matteo Renzi sul ‘luogo del caso Consip’ ha il sapore di una minestra riscaldata male. Il nuovo libro ripercorre le tesi complottistiche del precedente aggiungendo alcune novità che talvolta sono smentite dai fatti, talvolta cozzano con le precedenti ricostruzioni dello stesso Renzi. Comunque non spostano di un centimetro il problema che l’ex […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.