Il centro d’accoglienza per i richiedenti asilo (CARA) più grande d’Europa chiude i battenti. La struttura di Mineo, che ha ospitato picchi di 4 mila migranti contemporaneamente, era nata come “Residence degli Aranci” riservata ai militari americani di base a Sigonella. Nel 2011 diventa la casa dei migranti, per volere dell’allora ministro dell’Interno leghista Roberto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi