Le relazioni franco-italiane sono tese da diverso tempo. Anche prima dell’arrivo al governo di Lega e M5S. Nel marzo 2011 l’ambasciatore francese fu convocato dal governo Berlusconi nel quadro della scalata di Lactalis a Parmalat. Ma il declino dei rapporti di amicizia si intensifica dopo le elezioni di marzo 2018. Il 12 giugno, qualche giorno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Fatto a mano di Natangelo

prev
Articolo Successivo

Il colonialismo secondo Dibba e Di Maio e i baci di Salvini: “Manù matto e cinico”

next