Pare un residuo di un altro secolo, ma sul vertice di Intesa San Paolo è in corso l’ennesima battaglia sul grado di “torinesità” di una banca che ormai è sempre più milanese. Dietro la questione geografica, come ovvio, si muovono sistemi di potere in cerca di un garante. L’assemblea dei soci è prevista per il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Crediti bolliti, diamanti, cause: gli ispettori della Bce in Mps

prev
Articolo Successivo

Quota 100, arrivate 21.000 domande. Scontro sul taglio dell’assegno

next