“Rischio terroristi a bordo”: Viminale contro i magistrati

Il Tribunale: “Fu scelta solo politica”. L’Interno: “Valutavamo la presenza di criminali, ignorata la versione dei funzionari”

Lo scontro tra Matteo Salvini e il Tribunale dei ministri ora si sposta sul contenuto dell’inchiesta. Il Viminale fa filtrare sulle agenzie di stampa che i suoi funzionari, parlando coi magistrati del caso Diciotti, spiegarono che, nelle ore del presunto sequestro operato da Salvini, si valutava la possibilità che a bordo vi fossero infiltrazioni terroristiche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.