Mentre il mondo si interroga ansiosamente sull’esito del braccio di ferro tra Trump e la Cina, con la scadenza di marzo che potrebbe scatenare una nuova ondata di misure protezionistiche statunitensi, cresce il numero di osservatori che ritengono che il contrasto con Washington non sia la causa unica né determinante del rallentamento cinese. Un’economia, quella […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La crociata europea contro la doppia qualità dei prodotti

prev
Articolo Successivo

Farmacie, limitata la concentrazione

next